top of page

Fisioterapia geriatrica

La fisioterapia geriatrica è una specifica branca della fisioterapia che si rivolge ai soggetti anziani.

Il progredire dell’età comporta il presentarsi di numerose problematiche che possono portare, in modo progressivo, i soggetti più fragili a:


  • riduzione delle capacità motorie

  • difficoltà nella deambulazione,

  • difficoltà nello svolgere le comuni attività quotidiane

  • peggiorare il loro quadro di salute.


In quest’ottica la fisioterapia assume un ruolo essenziale data la complessità multifattoriale del soggetto anziano e consiste in una serie di interventi volti al recupero o al mantenimento delle funzionalità andate perdute con il progredire dell’età e del peggiorare dal punto di vista clinico. Vediamo ora nel dettaglio come può intervenire il fisioterapista. 


Che cosa tratta la fisioterapia geriatrica?

Gli anziani sono più soggetti dei giovani a sviluppare determinati tipi di patologie di ordine:

  • cardiaco,

  • neoplastico,

  • ortopedico,

  • malattie degenerative.


La terapia riabilitativa in ambito geriatrico è di solito multidisciplinare e mira a fornire, in egual maniera, competenze specialistiche differenti, in modo da coprire ogni settore e garantire il recupero dell’anziano sia da un punto di vista fisico che psicologico.

Data la complessità delle patologie geriatriche, esse richiedono l’interazione tra differenti specialità fisioterapiche tra le quali troviamo:


  • la riabilitazione ortopedica,

  • neurologica,

  • vascolare ecc.


I trattamenti di riabilitazione geriatrica si concentrano, in principal modo, sull’apparato osteo-scheletrico, il primo a risentire di patologie degenerative come l’osteoartrosi e l’osteoporosi. Vengono prese in causa anche persone affette da malattie invalidanti ed il più delle volte croniche, che interessano il sistema nervoso e gli apparati locomotore, cardio-respiratorio e circolatorio.


Per un completo rendimento ci si associa anche alla chirurgia generale e ortopedica. Ha inoltre l’obiettivo di prevenire la riduzione della mobilità e il progressivo allettamento, oltre all’insorgenza di decubiti. 

 

Quando è opportuno farla?

La riabilitazione geriatria è rivolta a un recupero delle capacità perdute o compromesse dell’anziano, sia per fattori legati all’età sia per patologie che hanno ridotto o annullato le funzionalità.


In particolare è consigliato effettuare dei trattamenti fisioterapici ogni qualvolta si riscontrino delle alterazioni delle capacità motorie e dell’equilibrio, dato che ciò potrebbe poi comportare un maggior rischio di cadute con conseguenti fratture per via dell’aumento della fragilità ossea.

Nulla toglie che può essere usata anche solo per ridurre il dolore, spesso cronico e presente da molto tempo.


Risulta invece necessaria in seguito ad interventi chirurgici, in particolar rifermento a fratture e a sostituzioni protesiche, ad interventi all’apparato cardio-respiratori o agli organi interni che comportano importanti periodi di inattività o allettamento, con riduzione della resistenza agli sfori.


È molto importante anche nell’ambito della prevenzione per mantenere lo stato di forma fisica adeguato all’età, conservando un buon livello di forza muscolare e una buona capacità di movimento, al fine di conservare e/o migliorare la qualità della vita e permettere l’esecuzione dei normali gesti quotidiani.


È corretto ricordare che è essenziale mantenere un costante stato di attività poiché, data la fragilità della persona anziana, risulterebbe più lento e complicato il recupero in caso di trauma acuto.

bottom of page